Un misto tra Noel Gallagher e Ian Brown quando era giovane…

Il titolo del post è legato alla prima cosa che ho pensato quando ho visto il viso di Liam Fray dei The Courteeners su NME, e dato che volevo sapere un po’ di più di questa band e del nuovo album “Falcon” l’ho comprato.
Ho poi ascoltato proprio Falcon di questa band e non riesco più a togliermelo della testa, e dalle orecchie.
E’ incredibile come una band possa crescere in un anno e mezzo, ma questi Courteeners di Manchester ci sono riusciti,interpretando questo nuovo album.
Falcon rispetto all’album precedente, “St. Jude”, è molto più personale, intenso e vario: ogni traccia svela un particolare, un effetto in più, un qualcosa di nuovo rispetto alla precedente.
Ovviamente ciò che domina è l’intensità della voce del figliastro di Noel\Ian-quando-era-giovane, ma il resto della band la accompagna in modo semplice e piuttosto piacevole da ascoltare.
Un album che si stacca dalla “massa”, ovvero da tutta quella roba che i gruppi indigeni stanno tirando fuori.

Tracklist

1. The Opener
2. Take Over The World
3. Cross My Heart And Hope To Fly
4. You Over Did It Doll
5. Lullaby
6. Good Times Are Calling
7. The Rest Of The World Has Gone Home
8. Sycophant
9. Cameo Brooch
10. Scratch Your Name Upon My Lips
11. Last Of The Ladies
12. Will It Be This Way Forever

Album number 2.
Donne che tirano fuori album decenti esistono.
Charlotte Gainsbourg ne è un esempio: “IRM” è un album spettacolare prodotto da quel pazzo fottuto schizzato di Beck, per questo lo adoro.
Ovviamente Charlotte interpreta le proprie canzoni sia in inglese che francese e l’effetto che ne viene fuori è indescrivibile e spettacolare.
Un album veramente rilassante, ricco e particolare: non è per tutti, insomma. E’ un album che piace, ma se al contrario non piace o qualcuno non apprezza la musica o è fatto di crack.

Tracklist

1 Master’s hands
2 IRM
3 Le Chat du café des artistes (the cover we already mentioned)
4 In the end
5 Heaven can wait
6 Me and john doe
7 Vanities
8 Tme of the assassins
9 Trick pony
10 Greenwich mean time
11 Dandelion
12 Voyage
13 La Collectionneuse

Concludo il post esaltando al massimo questa band: questi sono dei fottuti geni, sono il massimo. In Italia sono i migliori. Non ho parole per descriverli.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...