Summer mood

L’invasione di band Indie, soprattutto americane e che ricordano ai loro fan che siamo in estate, è iniziata.
Ci sono i Wavves, ci sono i Drums, ci sono i Surfer Blood e ci sono i Best Coast: tutte band che riprendono tanto il genere “surf” e che mi faranno compagnia quest’estate.
Le band citate sopra sono molto diverse tra di loro e questo retrogusto estivo e fresco, dato proprio dalla loro musica, porta sempre a effetti e a sensazioni differenti.
Parlerò dei Best Coast e del loro album Crazy for you” molto brevemente, poiché scriverò qualcosina in più per Indie-Zone tra qualche giorno: è un album estivo, molto suggestivo e ricco di riferimenti retrò e molto anni ’60.
Un album da ascoltare durante i momenti di massima tristezza, o quando si è in una città, senza mare, e con 35°-40°.
Su album sono veramente validi, ma con il live al BOtanique del 28 giudicherò meglio.

Tracklist

01 Boyfriend
02 Crazy for You
03 The End
04 Goodbye
05 Summer Mood
06 Our Deal
07 I Want To
08 When the Sun Don’t Shine
09 Bratty B
10 Honey
11 Happy
12 Each and Everyday

Bonus Track: “When I’m With You”

L’album dei Wavves “King of the beach” è un’esplosione di generi che vanno dal punk mescolato a indie e surf.
E’ un album di una band totalmente diversa dalle altre elencate all’inizio del post, insomma: l’influenza punk, allegro e di marchio californiano, si sente tanto a livello strumentale.
King of the beach diventerà uno degli album più sopravvalutati di quest’anno e con questo non voglio dire che l’album faccia schifo, anzi: l’unica “paura”, o dispiacere, per questi tre ragazzotti è che il loro album, dopo l’estate, possa essere messo da parte dopo averlo esaltato come non mai.
Tracce più “punk”, come “King of the beach” o “Super soacker”, si mescolano ad altre più lo-fi, “Baseball Cards”, e alla solita indie.
Credo che definirlo l’album dell’anno, come molta gente ha affermato in giro per il web, sia esagerato, ma comunque sia “King of the beach” è immediato, cattura subito l’attenzione di chi lo ascolta, è ricco di sonorità e influenze e fa dimenticare alla sottoscritta, a differenza dell’album dei Best Coast, l’aria bollente che sputa fuori il ventilatore (bazinga!).

Tracklist

01. King Of The Beach
02. Super Soaker
03. Idiot
04. When Will You Come?
05. Post Acid
06. Take On The World
07. Baseball Cards
08. Convertible Balloon
09. Green Eyes
10. Mickey Mouse
11. Linus Spacehead
12. Baby Say Goodbye

…e ora le band indigene-inglesi devono temere i cuginetti americani.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...