Future starts slow

L’influenza di Jack White si sente tanto nell’album “Blood pressures”, la nuova uscita discografica di uno dei gruppi più cool di questi ultimi dieci anni: The Kills.

Alison si ritrova ormai a stretto contatto proprio col genio di White, che collabora suonando il basso, anche nei Kills e il nuovo album, quindi, non può che prendere una giusta piega.
Blood Pressures, infatti, risulta come un’opera che colpisce fin dal primo ascolto poiché immediato sia a livello di sound che per quanto riguarda i testi: dopo un solo ascolto qualche melodia resta in mente e non si può fare a meno di canticchiare.
Non è una novità che Jamie e Alison amino mescolare rispettivamente il sound inglese e quello americano: tracce di indie e alternative, con gradevoli sfumature di blues e sano rock à la Velvet underground, non mancano nemmeno in questo nuovo lavoro del duo, anche se, sicuramente, questi riferimenti sono meno “potenti” e accesi rispetto ai lavori precedenti.

Legata alla considerazione precedente, a questo punto, si può parlare di una delle caratteristiche fondamentali di questo nuovo album riguardante la presenza incontrastata di melodie orecchiabili e dannatamente Pop.
Ci sarà una chitarra che ricorda sempre e comunque i vecchi Kills e il loro sound “so cool”, ma il duo, questa volta, punta su tonalità molto più riflessive e meno dirompenti: Alison e Jamie, grazie all’aiuto da parte dell’uomo “da un milione di idee al minuto”, hanno raggiunto una certa maturità e anche questa volta riescono a stupire i loro fan.

“Blood Pressures” è album discreto, piacevole e multiforme, dato l’alternarsi continuo tra tracce decisamente più movimentate e potenti con altre dai toni meno accesi, molto più tranquille e, nel caso di “Wild Charms” e “The Last Goodbye”, vicine al cantautorato.
Nonostante il sound, i testi gradevoli e la presenza di Jack White, sono le voci di Alison e Jamie che, anche questa volta, rendono il loro lavoro così figo e senza paragoni.

Tracklist
1. Future Starts Slow
2. Satellite
3. Heart Is A Beating Drum
4. Nail In My Coffin
5. Wild Charms
6. DNA
7. Baby Says
8. Last Goodbye
9. Damned If She Do
10. You Don’t Own The Road
11. Pots and Pans

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...