The Veils @ Hana-Bi

Non c’è pezza: quando mi capita di descrivere e di parlare di un “qualcosa” di particolare (chiamarlo “concerto” mi sembra troppo poco; chiamarla “emozione” mi sembra troppo banale) le parole non mi vengono fuori come vorrei.
In questo post vorrei tanto parlarvi con maggior sicurezza del concerto dei Veils all’Hana-Bi di Marina di Ravenna dello scorso 20 giugno, ma non ho la minima idea di cosa ne verrà fuori: si parte, insomma, con la scrittura di getto, ovvero il famoso “come viene, viene”.

veils

Da anni seguo una regola ferrea per quanto riguarda la maggior parte delle band che ascolto \ che scopro: andare a vederle, prima o poi, in concerto, dato che proprio in quell’occasione si capisce quanto siano valide o meno.
I Veils entrano nel giro di questi gruppi, dato che li ho sempre stimati per il loro songwriting ma non amati fino in fondo poiché il loro genere poetico-malinconico viene ripetuto fino alla nausea da altre mille band dello stesso genere.
E vedere live la band di Finn Andrews, almeno per quanto mi riguarda, mi ha fatto cambiare idea.
Questa band neozelandese ha la capacità di coinvolgere dal punto di vista emotivo, dato che le loro canzoni sono delle vere e proprie sensazioni in cui la maggior parte del pubblico si rispecchia: non è per niente semplice descrivere questa sinestesia di affetti creata dagli artisti sul palco.
Finn Andrews si sfoga con la voce e con varie schitarrate nel corso del live, mentre un Raife Burchell spietato si libera sulla sua batteria: questi sono i due componenti decisamente più “teatrali” e in grado di elevare, grazie a una componente più corporea, la musica della band.
Ovviamente anche il resto della line-up dei Veils non è da tenere da parte, dato che l’arrangiamento è perfetto e la presenza di un sax e di una tromba riempiono le sonorità del gruppo.
Quello che domina, insomma, è un vero e proprio vortice di stati d’animo che diventa sempre più suggestivo e coinvolgente nel corso del live e, nel caso di questa band in particolare, la cornice dell’Hana-Bi (il mare a due passi, le sdraio su cui collassare, la brezza leggera e piacevole) viene totalmente messa da parte: questa sera vincono le emozioni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...