Drowner

Se vi piacciono le atmosfere shoegaze, quelle del dream pop e quelle evocate da una voce femminile che mentre canta crea quel fantastico effetto “sussurro”, i Drowner fanno proprio per voi.
Questa nuova realtà viene dal Texas ed è formata da Anna Bouchard (vocalist), Darren Emanuel e Sean Evans (chitarre) e Mike Brewer al basso.

Questo nuovo progetto, che ha dato vita all’album omonimo, è ricco di influenze: dai The Cure ai The Pains of Being Pure at Heart, da Zola Jesus a qualche nota più vicina ai My Bloody Valentine; inoltre non mancano quelle note magiche e quasi ambient tipiche del genere.
Le prime otto tracce che si ritrovano in “Drowner” sono sognanti e profonde, ma anche nettamente contrastanti, leggermente cupe ed esaltate da una dolce malinconia; i due brani che concludono questo nuovo album (“Chime”, “Never Go Away”), invece, sono due remix che tendono ad allontanarsi dal genere proposto dalla band.

Drowner

Schitarrate, melodie new wave e una voce brillante e sublime entrano in collisione tra loro regalandoci così armonie surreali che caratterizzano questo bellissimo esordio chiamato “Drowner”, ovvero un album in cui la sensazione dello sprofondare è davvero un’emozione irresistibile.

Tracklist

01 – Point Dume
02 – Never Go Away
03 – Chime
04 – Wildflowers
05 – Written
06 – Tiny Ship
07 – Here
08 – This
09 – Chime (Apples to Earth Remix)
10 – Never Go Away (Nikki Gunz Remix)

Battling with your minds retorts and walking on empty plains where deserts so calm.

Violet Cries, o l’album poco danzereccio, inquietante e allo stesso tempo molto sensuale di questa band, un trio per l’esattezza, di Brighton chiamata Esben and The Witch.
“Violet Cries” è appena uscito ed è un’opera,costituita da dieci tracce, molto particolare e che si stacca in modo netto dall’evoluzione musicale di questi ultimi anni, sia a livello strumentale che vocale.

L’arrangiamento presentato in quest’album è perfetto, nonostante la voce sia sempre in primo piano rispetto al sound, il cui compito principale è proprio quello di accompagnare la vocalist.
Molti hanno parlato di questa nuova band come un miscuglio tra XX e Florence Welch: sicuramente c’è qualche riferimento ed influenza, ma è comunque eccessivo mettere a confronto queste band con quella di Esben & The Witch.

La voce di Rachel si stacca tanto da quei timbri ben marcati che tra il 2009 e il 2010 hanno preso il largo in UK, poiché è più misteriosa, sensuale e molto più “leggera” rispetto alle voci di Florence o Marina; la parte strumentale si dedica a melodie molto più cupe rispetto a quelle realizzate dagli XX o Chapel Club: questo per dire che gli Esben & The Witch presentano musica loro, molto più erotica e sublime dei gruppi, o delle cantanti soliste, poco fa citati.

Tracklist:

1. Argyria
2. Marching Song
3. Marine Fields Glow
4. Light Streams
5. Hexagons IV
6. Chorea
7. Warpath
8. Battlecry/Mimicry
9. Eumenides
10. Swans

Il secondo album di cui sto per parlare è quello “d’esordio” dei Papercuts per la Sub Pop, ma in realtà questo “Fading Parade” è già il quarto album della band dream pop americana.

La band californiana, capitanata da Jason Robert Quever, presenta un album Pop marcato da sonorità tipicamente Dream e Lo-Fi ed è in parte influenzata dalla loro terra d’origine, oltre che dall’ultima ondata musicale di questo genere (Beach House, Here we go magic).

La quarta opera dei Papercuts è un ottimo album Dream Pop, molto ricercato nelle sonorità e piuttosto suggestivo grazie alla presenza, in alcune tracce, di strumenti come pianoforte, arpa e archi.
“Fading Parade” è un album stupendo e fiabesco, di nemmeno 38 minuti, che raccoglie dieci tracce estremamente incantevoli e creatrici di quell’atmosfera soave e idilliaca che appartiene solo ed unicamente a questo genere.

Tracklist
1. Do You Really Want To Know (03:15)
2. Do What You Will (03:42)
3. I’ll See You Later I Guess (04:49)
4. Chills (04:20)
5. The Messenger (03:28)
6. White Are The Waves (03:17)
7. Wait Till I’m Dead (04:11)
8. Marie Says You’ve Changed (03:28)
9. Winter Daze (03:19)
10. Charades (03:58)

Lost in the post.

Citando gli Wombats, mi perdo in questi altri album ascoltati da luglio a dicembre, mentre qui trovate quelli dei mesi precedenti.
Se ho saltato qualche album, pazienza… Prima o poi li recupererò (tipo quello di Robyn)!
Solita cosa: quelli in grassetto sono i più più.

Luglio

125. 22-20s -Shake\Shiver\Moon
126. The Boat People – Dear Darkly
127. Cloud Cult – Light Chasers
128. Deadhorse – We Can Create Our Own World
129. General Fiasco – Buildings
130. I Am Kloot – Sky At Night
131. The Lodger – Flashbacks
132. M.I.A – Maya
133. Sky Larkin – Kaleide (album pessimo e privo di creatività)
134. The Rescues – Let Loose The Horses
135. Snow & Voices – Anything That Moves
136. Steel Train – Steel Train
137. Surfer Blood – Astro Coast
138. Wavves – King Of The Beach (non male, ma troppo troppo sopravvalutato)
139. Windsor For Derby – Against Love
140. Pulled Apart By Horses – Pulled Apart By Horses
141. Best Coast – Crazy For You
142. Die! Die! Die! – Form
143. Tubelords – For The Grandparents
144. The Vaselines – Sex With An X
145. The Gaslight Anthem – American Slang
146. Sky Sailing – An Airplane Carried Me On Bed (altro album piuttosto inutile)
147. The Coral – Butterfly House
148. Of Montreal – False priest
149. Bombay Bicycle Club – Flaws
150. Frankie Rose And The Outs – Frankie Rose And The Outs
151. Male Bonding – Nothing Hurts
152. Tame Impala – Innerspeaker
153. Les Savy Fav – Root For Ruin
154. Cherry Ghost – Beneath This Burning Shoreline
155. Arcade Fire – The Suburbs
156. Jukebox The Ghost – Everything Under The Sun
157. Autolux – Transit Transit
158. Soundpool – Mirror In Your Eyes
159. We Have Band – WHB
160. Neon Plastix – Awesome Moves
161. The Naked and Famous – Passive Me, Aggressive You
162.O. Children – O. Children

Agosto

163. Interpol – Interpol (peggio di Antics)
164. Ra Ra Riot – The Orchard
165. Shapes And Sizes – Candle To Your Eye
166. The Walkmen – Lisbon
167. Winter Gloves – All Red
168. Unkle – Where Did The Night Fall
169. The Hoosiers – The Illusion Of Safety
170. Klaxons – Surfing The Void
171. Everything Everything – Man Alive
172. Annuals – Count The Rings
173. All Smiles – Land Of Talk
174. Blonde Redhead – Penny Sparkle
175. The Thermals – Personal Life
176. Ou Est Le Swimming Pool – Golden Years
177. To My Boy – The Habitable Zone
178. Shrag – Life! Death ! Prizes!
179. Screaming Females – Castles Talk
180. Hurts – Happiness
181. No Age – Everything In Between
182. Philip Selway – Familial
183. The Divine Comedy – Bang Goes To Knighthood

Settembre

184. The Strange Death Of Liberal England – Drown Your Heart Again
185. Miami Horror – Illumination
186. Superchunk – Majesty Shedding
187. Manic Street Preachers – Postcards From A Young Man
188. Weezer – Hurley
189. The Charlatans – Who We Touch
190. Get Cape Wear Cape Fly – Get Cape Wear Cape Fly
191. Elf Power – Elf Power
192. The Hundred In The Hands – The Hundred In The Hands
193. The Postelles – The Postelles
194. Margot and The Nuclear – So and So Buzzard
195. The Xcerts – Scatterbrain
196. Hot Panda – How Come I’m Dead
197. Orchestral Manoeuvres In The Dark – History Of Modern
198. Thieves Like Us – Again and Again
199. Deerhunter – Halcyon Digest
200. Belle & Sebastian – Write About Love
201. Clinic – Bubblegum
202. Francis International Airport – In The Woods
203. Carl Barat – Carl Barat
204. Ben Folds & Nick Hornby – Lonely Avenue
205. Fenech Soler – Fenech Soler

Ottobre

206. Jimmy Eat World – Invented
207. Kings Of Leon – Come Around Sundown
208. Crystal Fighters – Star Of Love
209. P.S. I Love You – Meet Me At The Hunter Station
210. Emily Portman – The Glamoury
211. Blank Dogs – Land and Fixed
212. Dinosaurs Pile-Up – Growing Pains
213. My Disco – Little Joy
214. Warpaint – The Fool
215. Hello Seahorse – Lejos. NoTan Lejos
216. How To Dress Well – Love Remains
217. Hungry Kids Of Hungary – Escapades
218. Magenta Skycode – Relief
219. No Children – Souls On Fire
220. Paul Smith – Margins
221. Shipping News – One Less Heartless To Fear
222. Sun Airway – Nocturne Of Exploded Crystal Chandelier
223. Mew – Eggs Are Funny

Novembre

224. The 1900s – Return Of The Century
225. Oh No, Oh My – People Problems
226. Alice In Videoland – A Million Thought And They’re All About You (non so se sia peggio la loro musica o quella di ladybatta)
227. Jonquil – One Hundred Suns Ep
228. Tear Run Rings – Distance
229. Girl Talk – All Day
230. Gypsy & The Cat – Gilgamesh
231. Ida Maria – Katla
232. Lovers – Dark Light
233. Wild Orchid Children – The Wild Orchid Children Are Alexander Supertramp
234. Emmet & Mary – S\T
235. Darkstar – North

236. Twin Shadow – Forget
237. The Chain Gang Of1974 – White Guts

Dicembre

238. Aftermath – The Aftertaste Of Abandonment
239. The Fling – When The Madhouses Appear
240. Neon Indian – Mind CTRL Psychic Chasms Possessed
241. Athlete – Beyond Dub Neighbourhood (sono una di quelle band che mi faranno schifo a vita)
242. Feist – Look At What The Light Did Now
243. Skream – Outside The Bar
244. Emeralds – Does It Look Like I’m here?
245. Freezepop – Imaginary Friends
246. The Go! Team – Rolling Blackouts
247. The Courteeners – Electric Lick
248. This Is The Arrival – This Is The Arrival
249. Fujiya & Miyaji – Ventriloquizzing
250. Daft Punk – Tron Legacy

Gran parte, non tutti chiaramente, di quelli in grassetto sono album di artisti agli esordi e sono davvero interessanti.

And for a minute there, I lost myself

Non mi perdo per un minuto a fare “questa cosa” ma ci perderò almeno due post.
Ora faccio una lista, più o meno in ordine di ascolto, degli album sentiti fino a giugno (il secondo post completerà l’anno e lo faccio tra una-due settimane) e se ne avete altri stupendi da consigliarmi, usciti in quel periodo, fate pure.
Faccio questo perché il mese di novembre è stato devastante a livello concertistico e ho scritto solo di eventi e simili, quindi ora mi sembra giusto farvi rincoglionire con queste cose e consigliarvi, oppure no, qualcosina!
(Faccio questo anche perché, poi, dovrò fare una classifica strana ed inutile a fine mese).

Gennaio

1. Vampire Weekend – Contra
2. Beach House – Teen Dream

3. A Silver Mt. Zion – Kollaps Tradixionales
4. Los Campesinos – Romance is Boring
5. Shearwater – The Golden Archipelago
6. Adam Green – Minor Love
7. The Go Find – Everybody Knows It’s Going Happen Only Not Tonight
8. Lucky Soul – A Coming of Age
9. The Silent League – But You’ve Always Been The Caretaker
10. Owen Pallet – Heartland
11. Ringo Starr- Y Not
12. Stereophonics – Keep Calm And Carry On
13. The Sunshine Underground -Nobody’s Coming To Save You
14. Lostprophets – The Betrayed (o l’album più osceno che abbia mai ascoltato in questi ultimi anni)
15.Pantha Du Prince – Black Noise
16. Four Tet – There Is Love In You

Febbraio

17. Two Door Cinema Club – Tourist History

18. Akai – The Coldest Hour Is Just Before The Dawn
19. Good Shoes – No Hope, No Future
20. Hadouken! – For The Masses (orribile)
21. Errors – Come Down With Me
22. Marina & The Diamonds – The Family Jewels
23. Delphic – Alcolyte
24. The Electric Pop Group – Seconds
25. The Black Box Revelations – Silver Threats
26. Shy Child – Liquid Love
27. Charlotte Gainsbourg – IRM
28. The Courteeners – Falcon
29. Black Rebel Motorcycle Club – Beat The Devil’s Tattoo
30. Love Is All – Two Thousand And Ten Injuries
31. Ellie Goulding – Lights
32. Fang Island – Fang Island
33. Toro Y Moi – Causers Of This

Marzo

34. The Automatic – Tear The Sign Down
35. Babybird – Ex Maniac (altra oscenità)
36. Trouble Books – Gathered Tones
37. New Young Pony Club – The Optimistic
38. Angel & The Airwaves – Love (Tom, è meglio che stai nei Blink e stoni nei live, invece di fare cazzate)
39. Freaky Age – Living In Particular Ways
38. Gorillaz – Plastic Beach
40. Yamon Yamon – The Wilderlessness
41. Goldfrapp – Head First
42. Jonsi – Go
43. Awesome Color – Massa Hypnos
44. The Knife – Tomorrow In A Year
45. Paul Weller – Wake Up The Nation
46. Black Tambourine – Black Tambourine
47. Liars – Sisterworld
48. The Futurheads – The Chaos
49. Light Pollution – Apparitions
50. MGMT – Congratulations
51. Drive By truckers – The Best To Do
52. Fyfe Dangerfield – Fly Yellow Moon
53. CocoRosie – Grey Oceans
54. Blood Red Shoes – Fire Like This
55. I Can Make A Mess Like Nobody’s Business – The World We Know
56. The Living Sister – Love To Live
57. Laura Marling – I Speak Because I Can
58. Zeus – Say Us

Aprile

59. Rufus Wainwright – All Days And Nights Song For Lulù

60. The School – Loveless Unbeliever
61. Kyte – Dead Waves
62. The Apples In Stereo – Travellers In Space And Time
63. Raised By Swans – No Ghostless Place
64. Young Heretics – We Are The Lost Loves
65. Shout Out Louds – Work
66. Viernes – Sinister Devices
67. Scouting For Girls – Everybody Wants To Be On Tv (.. e il vostro album dovrebbe essere usato come carta igienica)
68. LCD Soundsystem – This Is Happening
69. Hole – Nobody’s Daughter
70. Crystal Castles – Crystal Castles II
71. Cassette Kids – Nothing On Tv
72. Delta Spirit – History From Below
73. Hold Steady – Heaven Is Whenever
74. The Burning Hotels – Novel
75. FOALS – TOTAL LIFE FOREVER (l’entusiasmo e la malattia mentale uniti)
76. Band Of Horses – Infinite Arms
77. 65 Days Of Static – We Were Exploding Anyway
78. Devo – Duty
79. Kate Nash – My Best Friend Is You
80. Minus The Bear – OMNI
81. Tayor Hawkins – Red Light Fever
82. The Indelicates – Song For Swinging Lovers
83. The National – High Violet
84. Health – Disco 2
85. CARIBOU – SWIM (entusiasmo parte seconda)

Maggio

86. God Is AnAstronaut – Age Of The Fifth Sun
87. Teenagers In Tokyo – Sacrifice
88. The Dead Weather – Sea Of Cowards
89. The Morning Of – The Way I Fell In
90. Broken Bells – Broken Bells
91. Wintersleep – New Inheritor
92. Thieves Like Us – Again And Again
93. Club 8 – The People’s Record
94. Born Ruffians – Say It
95. The Acorn – No Ghost
96. Tiger Riot – Look Up!
97. Wolf Parade – Expo 86
98. We Are Scientists – Barbara
99. Sleigh Bells – Treats
100. Elephant Stone – The Glass Box
101. Sleepy Sun – Fever
102. Stornoway – Beachcambers Windowsill
103. Tokyo Police Club – Champ
104. Katie Melua – The House
105. Hot Hot Heat – Future Breeds
106. Kurt Vile – Square Shells
107. Janelle Monae – The ArchAndroid
108. Broken Social Scene – Forgiveness Rock Record
109. Francis and The Lights – It’ll be better

Giugno

110. The Bluetones – New Athens
111. Mystery Jets – Serotonin
112. Delays – Star Tiger Star Ariel
113. Math And Psychics Club – I Shouldn’t Look As Good As I Do
114. Kula Shaker – Piligrim’s Progress
115. !!! – Strange Weather, isn’t It
116. The bridgeheads – Foreigners
117. The British Robots – The British Robots
118. The Morning Benders – Big Echo
119. The Drums – The Drums
120. The Young Veins – Take A Vacation
121. Maps & Atlases – Perch Patchwork
122. Ariel Pink’s Haunted Graffiti – Before Today

123. To My Boy – The Habitable Zone
124. The Chemical Brothers – Further

Gli album PIÙ li ho messi in evidenza, mentre i commentini acidi di fianco ad altri album è un invito a non ascoltarli per non rovinarvi l’udito.
Il resto, bene o male, è abbastanza orecchiabile e di piacevole ascolto: a giugno si può sentire come l’ondata che riprende i generi lo-fi, noise e surf invada il panorama musicale internazionale, o quasi.

(E sì: sono un'”asociale” che non sa che cazzo fare al giorno, quindi cerco album nuovi \ gruppi nuovi da ascoltare).

Music overdose

La band di cui sto per parlare non è né una band emo, come credevo all’inizio, né una mia imprecazione nei confronti di questo caldo afoso ed infame.
I Die! Die! Die! sono una band neozelandese il cui genere è legato, ma solo in parte, a quell’esplosione punk-indie-surf che in questo periodo viene ripreso da tante band, soprattutto americane.
La band prende comunque le distanze dalle altre di cui ho parlato proprio nel post “Summer Mood”: l’influenza “estiva” e neozelandese, non musica tribale e\o simili, c’è sicuramente, ma quel punk-indie non ha niente a che vedere con Drums, Best Coast, Surfer Blood e via dicendo.
Form è il titolo del loro terzo album, questi tre ragazzi sono attivi dal 2003, ed è un album piacevole e immediato che cattura chi lo ascolta dalla prima all’ultima traccia.
Gli album precedenti, di cui non ho trovato niente se non sul solito youtube, sembrano parecchio differenti da questo nuovo “Form”.
La nuova uscita del trio giovanissimo è molto più dolce, basta ascoltare la bellissima “Daze”, e molto più melodico e pop rispetto ai precedenti.
“Promises Promises” e il loro album d’esordio, omonimo, sono decisamente più malati e marcati da un ritmo, più che punk, molto noise-pop. Quest’ultimo aspetto ritmico lo si ritrova anche in “Form”, per esempio in “We built our own oppressor”.
“Form” resta comunque un buon album indie-pop-punk-e via dicendo che rimane facilmente in testa dopo pochissimi ascolti e che provoca una leggera dipendenza: peccato che la band sia neozelandese e faccia date solo vicino casa, ma non si sa mai…

Tracklist

01 Caseman
02 Lil Ships
03 Howye
04 Daze
05 We Bulit Our Own Oppresors
06 Paquin
07 Shine Through
08 Wasted Lands
09 Ht
10 Frame

Il secondo album che mi ha colpita e mi ha annoiata allo stesso tempo è stato“Light Chasers”, ovvero la nuova uscita discografica dei Cloud Cult.
I primi due ascolti sono stati parecchio forzati: l’album mi è sembrato abbastanza noioso, interminabile e a metà volevo interrompere l’ascolto.
Non ho interrotto l’ascolto, ho continuato e piano piano l’album ha iniziato a coinvolgermi: adoro i Cloud Cult e mi sarebbe veramente dispiaciuto se questo “Light Chasers” non mi fosse entrato in testa.
Un album che mescola più generi, difficile e che lascia senza parole: la sperimentazione domina e riempie l’intera opera della band.
Un’opera d’arte raccontata come se fosse una storia, capitolo per capitolo: a tratti le voci sono basse, a tratti intense e in altre parti sperimentali e quasi “aliene”.
Inutile dire che questo album è completo e probabilmente uno dei più belli, validi, intensi e ricercati del 2010: tratti di musica classica si uniscono a un ritmo più sperimentale e alternative.
Un album meraviglioso, altro che noioso e pesante come credevo all’inizio, che cattura e trascina l’ascoltatore in un viaggio di sedici tracce e che si conclude in un mondo parallelo fatto di sogni e ricco di immagini figurative e astratte.

(Minchia che figata di album).

Tracklist
1. The Mission: Unexplainable Stories
2. The Departure: Today We Give Ourselves to the Fire
3. The Invocation (p.1) – You’ll Be Bright
4. The Birth
5. The Baby – You Were Born
6. The Lessons – Exploding People
7. The Interference
8. The Battles – Room Full of People in Your Head
9. The Escape – Running With the Wolves
10. The Acceptance – Responsible
11. The Surrender – Guessing Game
12. The Strength – Forces of the Unseen
13. The Invocation (p.2) – Blessings
14. The Awakening – Dawn
15. The Contact
16. The Arrival – There’s So Much Energy In Us

Un misto tra Noel Gallagher e Ian Brown quando era giovane…

Il titolo del post è legato alla prima cosa che ho pensato quando ho visto il viso di Liam Fray dei The Courteeners su NME, e dato che volevo sapere un po’ di più di questa band e del nuovo album “Falcon” l’ho comprato.
Ho poi ascoltato proprio Falcon di questa band e non riesco più a togliermelo della testa, e dalle orecchie.
E’ incredibile come una band possa crescere in un anno e mezzo, ma questi Courteeners di Manchester ci sono riusciti,interpretando questo nuovo album.
Falcon rispetto all’album precedente, “St. Jude”, è molto più personale, intenso e vario: ogni traccia svela un particolare, un effetto in più, un qualcosa di nuovo rispetto alla precedente.
Ovviamente ciò che domina è l’intensità della voce del figliastro di Noel\Ian-quando-era-giovane, ma il resto della band la accompagna in modo semplice e piuttosto piacevole da ascoltare.
Un album che si stacca dalla “massa”, ovvero da tutta quella roba che i gruppi indigeni stanno tirando fuori.

Tracklist

1. The Opener
2. Take Over The World
3. Cross My Heart And Hope To Fly
4. You Over Did It Doll
5. Lullaby
6. Good Times Are Calling
7. The Rest Of The World Has Gone Home
8. Sycophant
9. Cameo Brooch
10. Scratch Your Name Upon My Lips
11. Last Of The Ladies
12. Will It Be This Way Forever

Album number 2.
Donne che tirano fuori album decenti esistono.
Charlotte Gainsbourg ne è un esempio: “IRM” è un album spettacolare prodotto da quel pazzo fottuto schizzato di Beck, per questo lo adoro.
Ovviamente Charlotte interpreta le proprie canzoni sia in inglese che francese e l’effetto che ne viene fuori è indescrivibile e spettacolare.
Un album veramente rilassante, ricco e particolare: non è per tutti, insomma. E’ un album che piace, ma se al contrario non piace o qualcuno non apprezza la musica o è fatto di crack.

Tracklist

1 Master’s hands
2 IRM
3 Le Chat du café des artistes (the cover we already mentioned)
4 In the end
5 Heaven can wait
6 Me and john doe
7 Vanities
8 Tme of the assassins
9 Trick pony
10 Greenwich mean time
11 Dandelion
12 Voyage
13 La Collectionneuse

Concludo il post esaltando al massimo questa band: questi sono dei fottuti geni, sono il massimo. In Italia sono i migliori. Non ho parole per descriverli.

che caaaaaaalo!

Finalmente sono riuscita ad ascoltare il nuovo album della band che andrò a vedere tra una settimana, i Good Shoes con il loro “No Hope, No Future”.
Questo nuovo album non ha niente a che vedere con “Think before you speak”: ci sono delle tracce orribili mescolate a qualcosina di decente.
Questo “No Hope, No Future” è strano, sembra marcato dal perenne scazzo che hanno addosso le indie-band:voce moscia e soliti accordi che si ripetono traccia dopo traccia; i “the good old days” dell’album precedente sono finiti.
Sembra quasi che gli stessi componenti della band non abbiano voglia di suonare: speriamo che live dimostrino il contrario se no boccio pure questi.
Se continuano così faranno la fine di altri migliaia di gruppi indie: si scioglieranno alla fine del tour, o prima se trovano la scusa come i The Rakes (grandissimi loro sia su cd che live, ma è giusto per fare un esempio), oppure tireranno fuori un album peggio di questo, ma penso sia impossibile perché a ‘sto punto preferisco i View o gli Enemy, che proprio non sopporto.
Un album strano, moscio e inutile: peccato per “The way my heart beats”, “Our loving mother in a pink diamond” e “Then she walks away” e, in parte, “City by the sea” che sono delle tracce molto carine e valide.
Mi consolo con “Think before you speak” ,con il live acustico che mi hanno mandato e spero con il live di prossima settimana.

Tracklist:

‘The Way My Heart Beats’
‘Everything You Do’
‘I Know’
‘Under Control’
‘Do You Remember’
‘Our Loving Mother In A Pink Diamond’
‘Times Change’
‘Thousand Miles An Hour’
‘Then She Walks Away’
‘City By The Sea’

Genio e pazzia è un binomio unico e inconfondibile, e chi fa musica, stile new rave e robaccia simile, lo sa bene.
“For the masses” è il nuovo album di quei pazzi schizzati chiamati Hadouken!, band che venne fuori nello stesso periodo dei Klaxons (insieme ad altre band tutte uguali tra loro).
L’album in questione é parecchio differente dal primo e mi piace di più: è più violento, soprattutto dal punto di vista vocale (a tratti), e il messaggio chiave dell’album mi fa pensare a un dj set, che spesso e volentieri si tiene a Bologna: “Dance or die”.
Balla o muori, o meglio “balla fino a schiattare”.
La cosa certa é che la canzone “House is falling” sarà remixata in 36737836378 modi diversi e sarà presente alle serate discotecare (inutili): insomma la solita tunztunz che proprio non si può sentire.
Non vuol dire che un album bello lo si debba ballare come dannati, no: quest’album non lo si riesce ad ascoltare se non in una discoteca o locali simili.
E’ violento, forse proprio questo è il punto di forza, e danzereccio, ma non per questo eccezionale.
Un album discreto: ormai la moda indie é invasa dal truzzo, quindi nulla di che.

Tracklist:

1 Rebirth
2 Turn The Lights Out
3 M.A.D.
4 Evil
5 House Is Falling Down
6 Mic Check
7 Ugly
8 Bombshock
9 Play The Night
10 Lost

Invece degli Hadouken!, vi consiglio i “Two door cinema club”(l’album uscirà a marzo, ma su youtube si trova qualcosa): decisamente migliori di ‘sti indie-truzzi.

Buon ascolto.