Crocodiles live @ Covo Club

Dopo tantissima pallavolo, si ritorna ai concerti.

crocodiles1

Venerdì 24 ottobre sono andata al Covo Club di Bologna per rivedere, per la sesta volta, i Crocodiles di Charles Rowell e Brandon Welchez.
La breve recensione potete leggerla su RADIONATION

Annunci

Crocodiles live @ Hana-Bi

Dopo un bel po’ di tempo ho preso la giusta (?) decisione di non lasciare andare il blog e di aggiornarlo: l’ultimo esame pre-laurea mi sta uccidendo (al terzo tentativo lo passerò, no???).
E ritorno sul mio blog parlandovi di una band che ho visto 4/5 volte e che, ogni volta, apprezzo sempre di più per quanto riguarda l’aspetto live: i Crocodiles.
La line-up del gruppo, guidato da un carismatico Brandon Welchez e Charles Rowell, è cambiata rispetto all’ultima volta che ho avuto modo di vedere i Crocodiles (Rock en Seine 2011, credo), bassista a parte, ma il loro entusiasmo è rimasto costante.
Il 14 settembre si trovano davanti al buon pubblico del Hana-Bi che, ovviamente, resta piacevolmente sorpreso dall’esibizione di questa band.
Posso essere sincera? Amo alla follia loro e il nuovo album “Crimes of Passion”, probabilmente il lavoro che mi prende di più in assoluto, oltre a “Sleep Forever”, per le influenze di Ride, Charlatans, Spiritualized e Primal Scream. E lo sapete benissimo che per la musica Brit di fine anni ’80\inizi anni ’90 ho una cotta incredibile.

1234781_10200674728927434_1949392669_n

I Crocodiles non sono per niente cambiati, dato che hanno quella voglia di suonare perenne e quella passione nell’intrattenere che non è da tutti: praticamente è come se fossimo a un concerto di amici.
La presenza scenica comprende: l’essere cazzoni, dato che Charles, alla chitarra, ha pensato bene di scolarsi una birra mentre suonava (ovviamente gli è uscita fuori dal naso e ha iniziato a sputarla…); il rosario recitato da Brandon con cani e porci in rilievo; bottiglie di vino consumate; parlantine in spagnolo.
“Crimes of Passion” domina nella scaletta della band di San Diego, ma i classici “Mirrors” e “Hearts of Love”, uniti alle loro melodie noise\pop, non mancano e ci travolgono.
La musica dei Crocodiles e la sabbia sotto ai piedi riescono ad esaltare la spensieratezza dell’estate, facendoci (quasi) dimenticare il fatto di essere a metà settembre.
Brandon e compagnia, insomma, migliorano sempre di più. E questa loro dedica al genere made in UK mi piace proprio tanto.

I wanna live in a music festival.

Dato che ci tengo particolarmente, vi linko gli articoli per Radionation sul Rock en Seine. So benissimo che sto spammando, ma insomma: quando mi ricapita di andare a un festival del genere (di tre giorni, con 4 palchi e 60 artisti da scegliere) da “”””””””””giornalista””””””””””?!

http://www.radionation.it/2011/09/01/rock-en-seine-i-venerdi-268/

http://www.radionation.it/2011/09/02/rock-en-seine-ii-sabato-278/

http://www.radionation.it/2011/09/04/rock-en-seine-iii-domenica-288/

Sul mio Flickr potete trovare qualche foto…